PANATHLON CLUB TORINO OLIMPICA

Il primo Club fu costituito a Venezia, il 12 giugno 1951 al fine di affermare l’ideale sportivo e i suoi valori morali e culturali, quale strumento di formazione ed elevazione della persona e di solidarietà tra gli uomini e i popoli.

Nel logo sono presenti la Fiamma Olimpica, che deve ardere nel cuore di tutti gli atleti e i Cinque Colori dei cerchi Olimpici, che rappresentano i continenti.

Dopo alcune riunioni viene approvato il nome definitivo di Panathlon, che deriva dal greco pan = tutto/i e athlon = sport e significa quindi “tutti gli sport”. Il nome si completa con il motto Ludis Iungit (uniti nello Sport).

«IL PANATHLON UNISCE ATTRAVERSO I GIOCHI (O LO SPORT)»

Negli anni successivi l’ideale panathletico comincia a svilupparsi con la nascita di altri club di Brescia, Milano, Genova, Napoli, Sondrio, Vicenza e si comincia a pensare a dare una struttura all’organizzazione.

Nel 1954 nasce il primo club svizzero a Lugano, aprendo la strada verso l’internazionalità.

Il 13/5/1957 nasce il Panathlon Club Torino (ora Panathlon Club Torino Olimpica). Tra i soci fondatori le più importanti figure torinesi in ambito sportivo e non quali Umberto Agnelli, Primo Nebiolo, Luigi Sambuelli, Ausonio Alacevich e Ferruccio Novo.

Dal 1982 è ufficialmente riconosciuto dal C.I.O. (Comitato Internazionale Olimpico)

Panathlon Club Torino Olimpica
Via Giordano Bruno, 191 – 10134 Torino – Palazzina 1

Panathlon International
Area 3 Piemonte Valle d’Aosta

C.F. 97658930017

C/C Intesa San Paolo

IT25V0306909606100000079100

info@panathlon.torino.it

Presidente – Ermanno Silvano
Past President
Vicepresidente – Piera Tizzoni
Segretario – Gregorio Tocco

Tesoriera – Paola Mazzone
Consiglieri
Antonio Alacevich
Federico Bartolini
Marco Clava
Domenico Lops

Contattaci per informazioni

“When words become unclear, I shall focus with photographs. When images become inadequate, I shall be content with silence.”
ANSEL ADAMS
“There is only you and your camera. The limitations in your photography are in yourself, for what we see is what we are.”
ERNST HASS
“Black and white are the colors of photography. They symbolize the alternatives of hope and despair to which mankind is subjected.”
ROBERT FRANK

CREDONO NEL PANATHLON